Assegno vitalizio ai repubblichini, un’altra legge vergogna

milano cln 1945 (0,1 MB)Prendo spunto da un articolo apparso ieri sul sito internet del quotidiano la Repubblica per esprimere tutto il mio disgusto per una proposta di legge che mi fa (ancora una volta) vergognare di essere italiano.
Si tratta della Proposta di Legge n.1360 elaborata da numerosi deputati del PdL e che mira a dare pari dignità a repubblichini e Partigiani assegnando indistintamente l’onoreficenza di Cavaliere dell’Ordine del Tricolore e un assegno vitalizio a chiunque abbia combattuto per almeno 6 mesi tra il ’40 e il ’45.

A mio avviso, gli schieramenti in quel periodo erano molto ben definiti: da una parte chi combatteva per la dittatura al fianco dei nazisti, dall’altra chi ha contribuito a costruire la Repubblica in cui viviamo. Come si può attribuire la stessa medaglia agli uni e agli altri?
Con la scusa di “superare tutti gli steccati ideologici che hanno reso difficile per troppi anni” la vita politica italiana, si sta sempre più spesso cercando di mettere sullo stesso piano fascisti e anti-fascisti cosa che, per quanto mi riguarda, è assolutamente inaccettabile.

La contraddizione è talmente evidente da trasparire al primo sguardo del testo di legge in questione. Ne propongo uno stralcio, ma consiglio a tutti di leggerlo per intero (è molto breve, una decina di minuti sono più che sufficienti).

L’articolo 2 prevede che tale onorificenza sia conferita:
a) (…) a coloro che hanno fatto parte delle formazioni armate partigiane o gappiste, (…) oppure delle formazioni che facevano riferimento alla Repubblica sociale italiana;
b) (…) agli ex prigionieri o internati nei campi di concentramento o di prigionia.

In 6 righe, la legge stessa riassume la propria incoerenza e il desiderio di sovvertire la Storia dei promotori di questo orrendo testo.
“La storia è stata scritta dai comunisti” diceva qualcuno.
Certo.. e questa ne è la prova! Vero?

Ma con enorme amarezza mi rendo conto di essere uno dei pochissimi che forse coglie ancora la differenza tra formazioni RSI e deportati nei campi di concentramento.
Non mi resta che rassegnarmi all’evidenza.
D’altraparte, in democrazia (?), la maggioranza ha sempre ragione…

PS
Lo sapete quanto costerà questa breve e innocua leggiucola alle casse dello Stato?
200 milioni di euro all’anno.
Povera Italia..

LINKS
Vai alla categoria Riflessioni a tempo perso
[sito esterno] la Repubblica.it

Ducati 749

3 Responses to “Assegno vitalizio ai repubblichini, un’altra legge vergogna”

  1. norijules Says:

    “superare tutti gli steccati ideologici che hanno reso difficile per troppi anni” la vita politica italiana.
    Ho capito che bisogna svilupparli questi steccati ideologici però mi sembra da stronxi paragonare il “bene” al “male”.
    …….tu non vorresti emigrare?!?!?!?!?……

  2. molta gente che conosco sta emigrando (uno a Londra, uno a Dublino, un’altra probabilmente a Londra fra non molto), ma per motivi economici, non politici.

    diciamo però che notizie come questa sono un buon incentivo…

  3. norijules Says:

    ….Io ci sto pensando seriamente… o.O

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: