Mondiale Supersport 2008 – classifiche finali

ss logoSono sempre un po’ dubbioso su questa categoria.. è stupenda, spettacolare, se guardate una gara ve ne innamorate.. però il livello dei piloti è medio-basso, soprattutto negli ultimi anni. I migliori vengono immediatamente assorbiti dalla Motogp o dalla Superbike (più o meno come avviene in Inghilterra) lasciando ‘gli altri’ nella 600.
Con l’uscita di scena di Charpentier e Curtain, la categoria si è perlomeno svecchiata molto, offrendo una rosa di giovani molto promettenti.

Supersport
pitt honda ss 2008 (0,1 MB)La vittorià è però andata all’australiano Andrew Pitt, 32enne pilota Honda che vince il suo secondo titolo iridato in Supersport dopo quello del 2001 (ottenuto in sella alla Kawasaki, senza vincere nemmeno 1 gara). Un campionato meritato, che Andrew ha conquistato di forza, finendo quasi sempre a podio, aiutato anche da una squadra praticamente infallibile (il team Ten Kate) e da una moto (il CBR 600) che vince il mondiale supersport da almeno 5 o 6 anni.
Secondo un ottimo Jonathan Rea (Honda), talmente ottimo che l’anno prossimo sarà impegnato nel mondiale SBK..
Poi una sfilza di Honda e di giovani: Brookes, Lascorz, e Harms sono davvero molto promettenti. Speriamo creino un po’ di ricambio generazionale nei prossimi anni. Si distinguono dal gruppo i ‘vecchi’ Foret, Veneman e Nannelli ancora competitivi (soprattutto il francese) a dispetto dei loro 35 e passa anni..
ss 2008 - parkes23 brookes25 rea65 harms127 foret99Solo quarto Broc Parkes (Yamaha), che con i suoi 27 anni dovrebbe essere ormai maturo per puntare al titolo considerata anche l’esperienza maturata in Supersport negli anni passati. Restando in tema Yamaha, non riesco a capire come la R6, vincente e competitiva in quasi tutti i campionati nazionali che conosco, non riesca ad essere altrettanto veloce nel mondiale dove da anni viene surclassata dalla Honda..
La prossima stagione promette di essere ancora più frizzante, con il ritorno del turco Kenan Sofuoglu e dell’australiano Antony West; entrambi arrivano da una stagione da dimenticare e cercheranno sicuramente il riscatto nel campionato 600, categoria a loro più congeniale.

Vorrei inoltre lasciare il mio personale saluto a Craig Jones, pilota inglese 23enne che ha perso la vita proprio durante il gran premio di casa a Brands Hatch. A causa forse dell’asfalto un po’ viscido, il posteriore della sua Honda ha bruscamente perso aderenza sul curvone che immette sul rettifilo di arrivo. Craig è stato violentemente disarcionato e ha battuto la testa. soccorso e trasportato all’ospedale, Jones è morto nella notte.
Vorrei inoltre scagionare Andrew Pitt che seguiva lo sfortunato pilota inglese da molto vicino al momento della caduta. Per quello che ho visto dalle immagini, Pitt non ha urtato il casco di Jones nonostante gli sia passato molto vicino.

__________

  1. 214 pts. Andrew PITT – Honda
  2. 164 pts. Jonathan REA – Honda
  3. 162 pts. Joshua BROOKES – Honda
  4. 150 pts. Broc PARKES – Yamaha
  5. 121 pts. Joan LASCORZ – Honda
  6. 111 pts. Fabien FORET – Yamaha
  7. 100 pts. Craig JONES – Honda
  8. 92 pts. Barry VENEMAN – Suzuki
  9. 71 pts. Robbin HARMS – Honda
  10. 70 pts. Gianluca NANNELLI – Honda

Costruttori:

  1. 315 pts. Honda
  2. 203 pts. Yamaha
  3. 102 pts. Suzuki

LINKS
Vai alla categoria Mondiali SBK, SS e STK
Vai alla categoria Motociclismo
[sito esterno] Superbike.it
[sito esterno] Fédération International de Motocyclisme

Ducati 749

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: